Incenso olio essenziale bio+spontaneo GADOI 5ml

15,00

Nome scientifico: Boswellia carferii Birdw.
Famiglia: Burseraceae
Processo produttivo: distillazione in acqua/con corrente di vapore
Parte usata per la distillazione: resina
Metodo di raccolta: da raccolta spontanea bio
Altitudine di raccolta: 100 slm
Provenienza: Somaliland
Tipologia prodotto: aroma alimentare
Formato: 5ml

L’olio essenziale ha un profumo pieno, rotondo e ricorda un po’ il miele. Viene utilizzato in molte creme ed unguenti di alta qualità.

La resina proviene dal Somaliland da raccolta spontanea su terreni certificati biologici. La raccolta viene effettuato da una cooperativa di donne che raccolgono in modo sostenibile la resina in modo che l’albero non viene danneggiato. La resina viene distillato nel nostro laboratorio a Badia Calavena (VR).

 

Descrizione

Incenso Somalo

Boswellia sacra Flueck.

    • Tracheophyta
      • Spermatophytina
        • Magnoliopsida
          • Rosanae
            • Sapindales
              • Burseraceae
                • Boswellia Roxb. ex Colebr

Sinonimi

Boswellia bhaw-dajiana Birdw.
Boswellia bhaw-dajiana var. serrulata Engl.
Boswellia carteri Birdw.
Boswellia carteri var. subintegra Engl.
Boswellia carteri var. undulatocrenata Engl.
Boswellia undulatocrenata (Engl.) Engl

Descrizione
Albero che cresce fino a 8 m di altezza, con corteccia che si sfoglia come fogli di carta e foglie raggruppate all'estremità dei rami aggrovigliati. Il fusto della pianta è normalmente multiplo, ma possono anche avere un tronco singolo. I fiori sono in racemi ascellari lunghi fino a 10 cm, raggruppati insieme all'estremità dei rami. Ogni fiore ha cinque petali di colore giallo-bianco. Il frutto è una capsula. Tutte le parti dell'albero sono altamente resinose.

Il nome Incenso identifica in maniera generica le secrezioni oleoresinose di molte specie del genere Boswellia Roxb. ex Colebr., appartenente alla famiglia delle Burseraceae Kunth.Viene dal latino incensum, participio passato di incendere, ovvero in + cendere (per candere = essere splendente, acceso, fiammeggiante), quindi come senso finale di bruciare, sottointeso qualcosa di aromatico, il thus, o resina odorosa. Gli arabi usavano la linfa lattiginosa degli alberi del genere Boswellia e la chiamarono al lubán, dalla parola che significa latte. Al-lubán venne poi trasformato in Olibano, che è un altro nome per l’incenso (ebraico lebonah, in Marocco undar, in cinese Ju-siang).  La Boswellia sacra Flueck. (sinonimo B. carteri Birdw.) è un albero nativo di Etiopia, Somalia settentrionale, Oman sud occidentale e Yemen meridionale. È particolarmente comune in Somalia e nelle foreste delle montagne della costa meridionale della penisola araba, nelle montagne coperte da nebbie perenni e dense che nei mesi estivi creano oasi nebbiose ad elevata biodiversità nel deserto.  Era classificato dagli antichi come “caldo” ed “astringente”, “dessiccante” e "risolutivo”, tradizionalmente utilizzato come fumigazione sia terapeutica sia  dopo avere cucinato cibi dall’odore non gradevole (pesce), o per allontanare le zanzare e altri insetti. In Oman viene bruciato nei templi e nelle chiese, ma anche in casa per accogliere gli ospiti . Usato inoltre in applicazioni locali come balsami ed unguenti, oppure come polvere o cenere come preparazione dermatologica. Viene aggiunto all’acqua per aromatizzarla prima di berla, e come digestivo. 

Liquido mobile, giallo chiaro o ambrato-verde. Aroma dolce, balsamico e legnoso con note fresche e agrumate, o di mela verde, ma non di trementina. Se distillato per lungo tempo l’aroma acquista una grande tenacia, con note finali che ricordano ambra e cisto. L'OE etiope ha odore potente, di testa, terpenico e piacevolmente resinoso balsamico, con una leggerissima nota medicinale, e una presenza leggerissima di anice. La nota finale ha una qualità potentemente verde di steli tagliati, mescolata a una qualità resinosa oleosa, che si nota di più dopo ripetuti assaggi. Molto potente

Chimica
Dominato da alfa-pinene (37,9%), (+)-limonene (10,2%), beta-fellandrene (5,3%), p-cimene (4,3%) viridiflorolo (3,8%), terpinen-4-olo (2.3%)

Usi

Utilizzato in profumeria per le note sopra descritte. Dà effetti deliziosi nelle colonie di agrumi dove modifica la dolcezza del bergamotto e degli olii d'arancia. Un effetto simile si ottiene nelle note di profumo "fresche" piuttosto difficili come verbena, agrumi, ecc. L'olio di Incenso è di per sé una base per tutti i profumi e le specialità di tipo  "olibanum" ed è un ingrediente importante in molte basi orientali, ambre, profumi floreali, colonie di agrumi, miscele di spezie, profumi viola, "fragranze maschili", ecc.
Cautele.
Non utilizzare se oltre alla data di scadenza o oltre i due anni dall’imbottigliamento perché l’olio ossidato potrebbe causare irritazione. Conservare in contenitori sigillati, al riparo dalla luce e dal calore, se possibile in frigorifero. 

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Incenso olio essenziale bio+spontaneo GADOI 5ml”