Olii essenziali delle Cupressaceae

Fino ad ora abbiamo parlato di olii essenziali da Conifere ma abbiamo visto solo piante appartenenti alle Pinaceae (Pino, Abete, Peccio, ecc.).  Esistono però in commercio olii essenziali provenienti da piante appartenenti ad un altro Ordine di conifere, gli olii essenziali delle Cupressaceae, che introduciamo di seguito.

Cupressaceae

Le Cupressaceae Bartling (o Cupressaceae s.l. se si includono le Taxodiaceae) sono piante arboree o arbustive, a profilo conico, resinose, con dotti/canali resiniferi nel floema e nello xilema, quasi sempre monoiche, più raramente dioiche.

Descrizione

Sono piante comunemente sempreverdi, con foglie nastri-, aghi- o squamiformi pluriennali (a parte rare eccezioni) che cadono con i ramoscelli, fiori unisessuati, semplici, squamosi, coni staminati (produttori di polline); la maggior parte porta anche coni ovulati (produttori di semi). Gli pseudofrutti sono galbuli con squame legnose strettamente appressate che racchiudono i semi, o, nel caso di Juniperus, arcesthida, uno pseudofrutto con i semi ricoperti da brattee o scaglie carnose.

Origine

Sono piante tipiche dell’emisfero settentrionale, presenti più raramente nelle regioni temperate meridionali, a colte anche in Africa NE.

Specie

L’ordine comprende 29-30 generi e 133-140 specie. I quattro generi più numerosi sono Juniperus (50-70 spp.), Callitropsis (18 spp.), Callitris (14. spp.) e Cupressus (12 spp.).

Gli olii essenziali delle Cupressaceae provengono tutti dalla sottofamiglia delle Cupressoideae: Cupressus spp., Juniperus spp. e Thuja spp.

Composizione chimica

La tabella qui sotto mostra come a differenza degli olii da Pinaceae, dominati da idrocarburi monoterpenici (C10), le Cupressaceae tendono ad essere più ricche in composti ossigenati come alcoli, esteri e chetoni, in e idrocarburi sesquiterpenici (C15). Possiamo anche notare come gli olii da legno (L) tendono ad essere più ricchi in sesquiterpeni degli olii da foglie (F).

Specie

Parte usata

Composti maggioritari

Composti caratterizzanti

Tossicità

Juniperus oxycedrus L Alcoli C15
Juniperus procera L Alcoli C15 e C15
Juniperus communis F e Fr C10
Juniperus communis var. saxatilis F C10 Esteri: acetato di bornile
Juniperus phoenicea F C10
Cupressus sempervirens F C10
Juniperus ashei L C15
Juniperus scopulorum L C15
Juniperus virginiana L C15
Thujopsis dolabrata L Chetoni: 𝛽-tujaplicina e 𝛽-dolabrina
Thuja occidentalis F Chetoni: tujoni  SI
Thuja plicata F Chetoni: tujoni  SI
Juniperus sabina F Esteri: acetato di (Z)-sabinile  SI
Lascia un commento