Achillea

Achillea millefolium L., Sp. Pl. 2: 899 (1753)

    • Tracheophyta
      • Spermatophytina
        • Magnoliopsida
          • Asteranae
            • Asterales
              • Asteraceae Berchtold & J. Presl
                • Achillea L.

Sinonimi
Achillea compacta Lam.
Achillea magna L.
Achillea nabelekii Heimerl
Achillea submillefolium Klokov & Krytzka

L’Achillea è una piccola pianta erbacea perenne, di altezza compresa tra i 30 e i 100 cm. con fusto eretto, semplice e poco ramificato, tipica dei prati montani, adattata al calpestio e alla brucatura degli animali; le foglie sono minutamente divise in lacinie (da qui il nome specifico millefolium), di color verde, pelose.  La pianta è altamente polimorfa e si possono trovare popolazioni di taglia bassa e minute ed altre alte e coriacee. Da maggio ad agosto appaiono i fusti fiorali, portanti una infiorescenza apicale di corimbi di capolini colore bianco-neve o a volte rosati.  In anni particolarmente piovosi o in ambienti umidi i fusti sono numerosi, pieni di foglie e molto alti.  Il nome della pianta deriva forse dal nome dell’eroe greco Achille che ne scoprì le virtù medicamentose grazie al suo tutore Chirone, e la usò in battaglia a Troia per alleviare le sofferenze dei suoi compagni feriti.  In media per ottenere 1 litro di olio essenziale ci vogliono 200-300 kg di pianta.  L’olio essenziale può essere un liquido denso di colore blu scuro e quasi opaco alla luce, con odore pungente, fresco cineolico e quasi medicinale; oppure può avere un colore verde pallido ed un odore erbaceo e leggermente canforato, con note di tujone. La composizione chimica è estremamente varia, ed esistono vari sottospecie ed ecotipi, tanto che alcuni olii essenziali sono di colore blu molto scuro, ed altri un verde acquamarina chiaro. Queste differenze dipendono dalla presenza percentuale del camazulene, che può variare dal 5 al 33%.  Utilizzato in quantità minime per impartire note molto particolari alle fragranze, si usa negli accordi verdi, erbacei e nelle fougeres.  Vista la possibile presenza di tujone, è preferibile non utilizzare l’olio essenziale in caso di convulsioni, epilessia, febbre molto elevata.

Sinonimo botanico

Achillea albicaulis C.A.Mey., Verz. Pfl. Casp. Meer.: 76 (1831).
Achillea albida Willd., Enum. Pl. Hort. Berol., Suppl.: 61 (1814), nom. inval., nom. nud.
Achillea alpicola (Rydb.) Rydb., Bull. Torrey Bot. Club 33: 157 (1906).
Achillea ambigua Pollini, Viagg. Lago di Garda: 117 (1816).
Achillea ambigua Boiss., Fl. Orient. 3: 255 (1875), nom. inval.
Achillea anethifolia Fisch. ex Herder, Bull. Soc. Imp. Naturalistes Moscou 38: 404 (1865), nom. inval.
Achillea angustissima Rydb., N. Amer. Fl. 34(3): 225 (1916).
Achillea arenicola A.Heller, Muhlenbergia 1: 61 (1904).
Achillea aspleniifolia Vent., Descr. Pl. Nouv. 10: t. 95 (1803).
Achillea aspleniifolia Vent., Descr. Pl. Nouv. 10: 95 (1803).
Achillea bicolor Wender., Flora 12(1, Ergänzungsbl.): 25 (1829).
Achillea borealis Bong., Mém. Acad. Imp. Sci. Saint-Pétersbourg, Sér. 6, Sci. Math., Seconde Pt. Sci. Nat. 2(2): 149 (1832).
Achillea borealis var. arenicola (A.Heller) J.T.Howell, Leafl. W. Bot. 5: 107 (1948).
Achillea borealis subsp. arenicola (A.Heller) D.D.Keck, Publ. Carnegie Inst. Wash. 520: 299 (1940).
Achillea borealis var. californica (Pollard) J.T.Howell, Leafl. W. Bot. 5(6): 107 (1948).
Achillea borealis subsp. californica (Pollard) D.D.Keck, Publ. Carnegie Inst. Wash. 520: 299 (1940).
Achillea borealis f. fusca (Rydb.) Hultén, Acta Univ. Lund., 2, 46(1): 1542 (1950).
Achillea borealis var. fusca (Rydb.) G.N.Jones, Bot. Surv. Olympic Penins.: 250 (1936).
Achillea borealis subsp. typica D.D.Keck, Publ. Carnegie Inst. Wash. 520: 299 (1940), nom. inval.
Achillea californica Pollard, Bull. Torrey Bot. Club 26: 369 (1899).
Achillea ceretanica Sennen, Bol. Soc. Aragonesa Ci. Nat. 15: 235 (1916).
Achillea compacta Lam., Encycl. 1(1): 27 (1783).
Achillea coronopifolia Willd., Diss. de Achill.: 18 (1789).
Achillea crassifolia Dietr. ex Colla, Herb. Pedem. 3: 463 (1834).
Achillea cristata DC., Prodr. 6: 25 (1838), nom. inval.
Achillea cuspidata Wall., Numer. List: n.º 3230 (1831), nom. inval.
Achillea dentifera Rchb., Fl. Germ. Excurs. 1: 230 (1831), sensu auct.
Achillea dentifera DC. in J.B.A.M.de Lamarck & A.P.de Candolle, Fl. Franç., ed. 3, 5: 485 (1815), nom. superfl.
Achillea eradiata Piper, Proc. Biol. Soc. Washington 23: 105 (1920).
Achillea fusca Rydb., N. Amer. Fl. 34(3): 221 (1916).
Achillea fusca Rydb., N. Amer. Fl. 34(3): 221 (1916).
Achillea gigantea Pollard, Bull. Torrey Bot. Club 26: 370 (1899).
Achillea haenkeana Tausch, Flora 4(2): 567 (1821).
Achillea intermedia Schleich., Cat. Pl.: 5 (1821), nom. inval., nom. nud.
Achillea lanulosa Nutt., J. Acad. Nat. Sci. Philadelphia 7(1): 36 (1834).
Achillea lanulosa subsp. alpicola (Rydb.) D.D.Keck, Publ. Carnegie Inst. Wash. 520: 300 (1940).
Achillea lanulosa var. alpicola Rydb., Mem. New York Bot. Gard. 1: 426 (1900).
Achillea lanulosa var. arachnoidea Lunell, Amer. Midl. Naturalist 1: 235 (1910).
Achillea lanulosa var. eradiata (Piper) M.Peck, Man. Pl. Oregon: 763 (1941).
Achillea lanulosa subsp. megacephala (Raup) Argus, Publ. Bot. (Ottawa) 12: 94 (1982), no basionym ref.
Achillea lanulosa f. rubicunda Farw., Pap. Michigan Acad. Sci. 3: 107 (1924).
Achillea lanulosa subsp. typica D.D.Keck, Publ. Carnegie Inst. Wash. 520: 299 (1940), nom. inval.
Achillea laxiflora Pollard & Cockerell, Proc. Biol. Soc. Washington 15: 179 (1902).
Achillea magna Haenke in J. Jirasek, Beobacht. Ries. Riesengeb.: 103 (1791).
Achillea magna , Fl. Pedem. 1: 184 (1785), sensu auct.
Achillea magna L., Sp. Pl., ed. 2, 2: 1267 (1763).
Achillea marginata Turcz. ex Ledeb., Fl. Ross. 2(2): 532 (1845), nom. inval.
Achillea megacephala Raup, J. Arnold Arbor. 17: 306 (1936).
Achillea millefolium f. albiflora Dabrowska, Acta Univ. Wratislav., Prace Bot. 24: 131 (1982).
Achillea millefolium var. alpicola (Rydb.) Garrett, Spring Fl. Wasatch: 101 (1911).
Achillea millefolium var. arenicola (A.Heller) Ferris, Contr. Dudley Herb. 4: 102 (1958).
Achillea millefolium var. aspleniifolia (Vent.) Farw., Asa Gray Bull. 3: 21 (1895).
Achillea millefolium subsp. atrotegula B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65: 10 (1951).
Achillea millefolium subsp. balearica Sennen, Bol. Soc. Ibér. Ci. Nat. 27: 215 (1928).
Achillea millefolium var. borealis (Bong.) Farw., Amer. Midl. Naturalist 11: 268 (1929).
Achillea millefolium subsp. borealis (Bong.) Breitung, Amer. Midl. Naturalist 58(1): 58 (1957).
Achillea millefolium f. californica (Pollard) H.M.Hall, Univ. Calif. Publ. Bot. 3(1): 211 (1907).
Achillea millefolium var. californica (Pollard) Jeps., Man. Fl. Pl. Calif.: 1137 (1925).
Achillea millefolium var. colliniformis Dabrowska, Acta Univ. Wratislav., Prace Bot. 24: 118 (1982).
Achillea millefolium var. dipetala Dabrowska, Acta Univ. Wratislav., Prace Bot. 24: 119 (1982).
Achillea millefolium f. discolor B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65: 11 (1951).
Achillea millefolium var. dissecta Dabrowska, Acta Univ. Wratislav., Prace Bot. 24: 131 (1982).
Achillea millefolium var. fulva B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65(1): 11 (1951).
Achillea millefolium var. fusca (Rydb.) G.N.Jones, Bot. Surv. Olympic Penins.: 250 (1936).
Achillea millefolium var. gigantea (Pollard) Ferris, Contr. Dudley Herb. 5: 102 (1958).
Achillea millefolium var. gracilis Raf. ex DC., Prodr. 6: 24 (1838).
Achillea millefolium var. iserana Podp., Verh. Zool.-Bot. Ges. Wien 54: 338 (1904).
Achillea millefolium f. iserana Hayek, Ill. Fl. Mitt.-Eur. 6(2): 571 (1928).
Achillea millefolium var. lanulosa (Nutt.) Piper, Fl. Palouse Reg.: 196 (1901).
Achillea millefolium subsp. lanulosa (Nutt.) Piper, Mazama 2: 97 (1901).
Achillea millefolium var. litoralis Ehrend. ex Ferris, Contr. Dudley Herb. 5: 101 (1958).
Achillea millefolium var. lobata Dabrowska, Acta Univ. Wratislav., Prace Bot. 24: 120 (1982).
Achillea millefolium var. maritima Jeps., Man. Fl. Pl. Calif.: 1137 (1925).
Achillea millefolium var. megacephala (Raup) B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65: 10 (1951).
Achillea millefolium var. nigrescens E.Mey., Pl. Labrador.: 65 (1830).
Achillea millefolium subsp. occidentalis (DC.) Hyl., Uppsala Univ. Årsskr. 1945(7): 314 (1945).
Achillea millefolium var. occidentalis DC., Prodr. 6: 24 (1838).
Achillea millefolium var. pacifica (Rydb.) G.N.Jones, Bot. Surv. Olympic Penins. (1936).
Achillea millefolium subsp. pallidotegula B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65(1): 9 (1951).
Achillea millefolium var. parviligula B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65(1): 11 (1951).
Achillea millefolium var. parvula B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65(1): 11 (1951).
Achillea millefolium var. puberula (Rydb.) Ferris, Contr. Dudley Herb. 5: 102 (1958).
Achillea millefolium var. puberula (Rydb.) Ferris, Contr. Dudley Herb. 5: 102 (1958).
Achillea millefolium f. rhodantha Lepage, Naturaliste Canad. 81(12): 260 (1954).
Achillea millefolium f. rosea E.L.Rand & Redfield, Fl. Mt. Desert Isl.: 118 (1894).
Achillea millefolium var. rosea Torr. & A.Gray, Fl. N. Amer. 2: 409 (1843).
Achillea millefolium f. roseiflora B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65(1): 12 (1951).
Achillea millefolium f. roseoides Breitung, Amer. Midl. Naturalist 58: 59 (1957).
Achillea millefolium f. rubicunda (Farw.) Farw., Amer. Midl. Naturalist 11: 268 (1929).
Achillea millefolium var. russeolata B.Boivin, Canad. Field-Naturalist 65(1): 10 (1951).
Achillea millefolium var. sordida W.D.J.Koch, Syn. Fl. Germ. Helv.: 373 (1837).
Achillea millefolium var. spathulata Dabrowska, Acta Univ. Wratislav., Prace Bot. 24: 120 (1982).
Achillea nabelekii Heimerl, Spisy Prír. Fak. Masarykovy Univ. 52: 12 (1925).
Achillea occidentalis (DC.) Raf. ex Rydb., Bull. Torrey Bot. Club 37: 456 (1910).
Achillea ochroleuca Eichw., Skizze: 149 (1830), nom. inval.
Achillea ossica K.Koch, Linnaea 24: 323 (1851).
Achillea pacifica Rydb., N. Amer. Fl. 34(3): 222 (1916).
Achillea palmeri Rydb., N. Amer. Fl. 34(3): 221 (1916).
Achillea pecten-veneris Pollard, Bull. Torrey Bot. Club 26: 371 (1899).
Achillea polyphylla Schleich. ex W.D.J.Koch, Syn. Fl. Germ. Helv.: 373 (1837), nom. inval.
Achillea pratensis Saukel & R.Länger, Phyton (Horn) 32(1): 160 (1992).
Achillea pseudotanacetifolia Wierzb. ex Rchb., Icon. Fl. Germ. Helv. 16: 69 (1854).
Achillea puberula Rydb., N. Amer. Fl. 34(3): 223 (1916).
Achillea rosea Desf., Tabl. École Bot.: 105 (1804), nom. superfl.
Achillea setacea Waldst. & Kit., Descr. Icon. Pl. Hung. 1: 82 (1802).
Achillea sordida (W.D.J.Koch) Dalla Torre & Sarnth., Fl. Tirol 6(3): 529 (1911).
Achillea subalpina Greene, Leafl. Bot. Observ. Crit. 1: 145 (1905).
Achillea subhirsuta Gilib., Fl. Lit. Inch. 1: 217 (1782).
Achillea submellifolium Klokov & Krytzka, Tysjachelistniki: 220 (1984).
Achillea sylvatica Becker, Fl. Frankfurt 1: 295 (1827).
Achillea tenuifolia Salisb., Prodr. Stirp. Chap. Allerton: 204 (1796), nom. superfl.
Achillea tenuis Schur, Enum. Pl. Transsilv.: 329 (1866).
Achillea tomentosa L., Sp. Pl. 2: 897.
Achillea virgata DC., Prodr. 6: 31 (1838), nom. inval.
Achillios millefoliatus St.-Lag., Ann. Soc. Bot. Lyon 7: 118 (1880), nom. inval.
Alchemilla magna L., Sp. Pl., ed. 2. 2: 1267 (1763).
Alchemilla tenuifolia var. albicaulis Trautv., Trudy Imp. S.-Peterburgsk. Bot. Sada 2: 546 (1873).
Alitubus millefolium (L.) Dulac, Fl. Pyren.: 500 (1867).
Alitubus tomentosus (L.) Dulac, Fl. Hautes-Pyrénées: 500 (1867).
Chamaemelum millefolium (L.) E.H.L.Krause in J.Sturm, Deutschl. Fl. Abbild., ed. 2, 13: 216 (1905).
Chamaemelum tanacetifolium E.H.L.Krause, Deutsch. Fl. 13: 217 (1905).
Chamaemelum tomentosum (L.) E.H.L.Krause in J.Sturm, Deutschl. Fl. Abbild., ed. 2, 13: 218 (1905), nom. illeg.

Sinonimi eterotipici:
Achillea compacta Lam.
Achillea magna L.
Achillea nabelekii Heimerl
Achillea submillefolium Klokov & Krytzka
Achillea millefolium subsp. balearica Sennen
Achillea millefolium subsp. compacta (Lam.) Bonnier & Layens

Nomi mal applicati:
"Achillea aspleniifolia" sec. Fiori, A. - Nuova flora analitica d’Italia 2 Firenze 1925-1929.

Basionimo (Stevens 2001-)
Chamaemelum millefolium (L.) E.H.L. Krause 13: 216. 1905.[1]
Fonti: The Plant List

Taxa infraspecifici: sottospecie, varietà, cultivar, chemiotipi

Alcuni autori riconoscono quattro chemiotipi, cioè varietà morfologicamente identiche ma che producono fitocomplessi caratterizzati da limitate ma costanti differenze in OE (Bradley 1992; Bisset 1994):
1. tipo canfora,
2. tipo sabinene,
3. tipo 1,8-cineolo
4. tipo camazulene

Altri sono meno certi della solidità di queste divisioni chemiotassonomiche, ma riconoscono comunque l'esistenza di tipi ecologici e geografici dominati da diverse molecole: alfa-pinene; canfora; beta-cariofillene; proazuleni.

Solo i taxa diploidi (Achillea asplenifolia e A. roseo-alba) ed i tetraploidi (A. collina e Achillea ceretanica) sono caratterizzati da proazuleni come l’achillicina e possono dare camazulene nella distillazione dell’olio essenziale (Chandler et al. 1982; Falk et al. 1974), e questa presenza è legata a caratteri genetici recessivi⁠ (Vetter, et al. 1997) simili a quelli della camomilla (Franz 1993a; Franz 1993b).
Le specie azulogeniche sono caratterizzate da camazulene (fino al 33%, raramente di più) e il contenuto in camazulene differisce tra sottospecie e varietà, alcune sono elevate in a-pinene, in canfora, in b-cariofillene, in borneolo, o sabinene (Eglseer et al. 1988).
Altri taxa, specialmente i 6n e gli 8n, non contengono azuleni ma contengono perossidi eudesmanolidi, longipineni, germacranolidi, e/o guajanolidi⁠ (Franz, Novak 2010).

Comunque le variazioni intraspecifiche in contenuto in proazuleni sono molto elevate, ed il ventaglio va dal contenuto in tracce all'80%⁠ (Kastner, et al. 1992) , ed esiste anche una variabilità tra pianta e pianta nel contenuto degli enanziomeri di, ad esempio, a- e b-pinene, o sabinene. Tutto ciò rende ancora più complesso usare caratteristiche fitochimiche a scopi tassonomici,⁠ (Steinlesberger 2002) e rende quindi sospetta la classificazione in chemiotipi proposta da vari autori.

Sinonimo francese

Achillée
Achillée Boréale
Achillée Laineuse
Achillée Millefeuille
Acuilee
Herbe à la Coupure
Herbe à Dindes
Herbe aux Charpentiers
Herbe aux cochers
Herbe aux militaires
Herbe Militaire
Huile Essentielle d'Achillée
Millefeuille
Persil à dinde
Saigne-nez
Sourcil de Vénus

Sinonimo inglese

Yarrow. Il termine sembra derivare dal gaelico scozzese "garbh", che significa selvaggio, ruvido
Milfoil. Fa riferimento alle foglie finemente suddivise, ed è una corruzione del termine specifico latino "millefolium", ossia mille foglie.

Band Man's Plaything
Bloodwort
Carpenter's Weed
Common Yarrow
Devil's Nettle
Devil's Plaything
Field hop
Green Arrow
Noble Yarrow
Nosebleed
Old Man's Pepper
Sanguinary
Soldier's Wound Wort
Staunchweed
Thousand­Leaf
Thousand weed
white yarrow
Wound Wort
Yarrow Essential Oil

Sinonimo italiano

Nord = N; Centro = C; Sud = S; Isole = I; T = Toscana; L = Lessinia

Cetona (T)
Erba pennina (T)
Erba da taglio (T)
Erba morela (T)
Erba nera (T)
Erba dei tagi
Erba del soldato (C)
Erbe del marchese (C)
Erba da Carpentieri
Erba da Falegname
Erba centofor (N)
Erba da taggi (N)
Erba di fregg (N)
Erba Tajadora (N)
Erba rissa (N)
Erba scareta (N)
Erba trementina (N)
Erba rita (N)
Erva de feridas (SI)
Erva de fertas (SI)
Erva formicaria (SI)
Erba campignol (L)
Erba grogaia (T)
Erba de legnardo (C)
Erba formica (C)
Formichetta (T)
Furmichedda (SI)
Jarbe marsine (N)
Jertba di sanc (N)
Losco (L)
Millefoglio
Millefoglio montano
Merfugge (N)
Milfueglia (N)
Murfoera (N)
Millefagghia (SI)
Purpureina (N)
Purpuriscia (SI)
Sanguinella (C)
Stagnadora
Stagnadore (N)
Stagnasangue (N)
Fonti: Pieroni e Picchi

Sinonimo spagnolo

abrofia (Castigliano)
ajoporro (Castigliano)
altamisa (Castigliano)
altarreina (Castigliano)
andianeta (Catalan)
aquilea (Galiziano)
aquilea (Castigliano)
aquileia (Galiziano)
artamisa (Asturiano)
balsamín (Asturiano)
balsamina (Asturiano)
balsamina (Castigliano)
boga (Galiziano)
bosta (Galiziano)
amamil.la vera (Catalano)
camamil.la vera (Valenziano)
camamila de la sierra (Aragonese)
camamila de la Sierra (Castigliano)
camamila de monte (Aragonese)
camamila de monte (Castigliano)
camamilla vera (Catalano)
camamirla (Valenziano)
camomila de los montes (Castigliano)
cañimana (Castigliano)
caps de ruc (Catalano)
cebuda blanca (Catalano)
celestina (Castigliano)
cen rama (Galiziano)
cent flors (Catalano)
ciento en rama (Castigliano)
cientoenrama (Castigliano)
cinto enrama (Valenziano)
cordonet (Catalano)
correola (Galiziano)
ekilore (Euskera)
erba blanca (Aragonese)
erba blanca (Aragonese)
erva-carpinteira (Galiziano)
erva-das-cortadelas (Galiziano)
erva-dos-carpinteiros (Galiziano)
espina de peix (Majorcan)
estiña sangre (Galiziano)
filigrana (Castigliano)
flor de la pluma (Castigliano)
flor de ploma (Catalano)
flor de pujo (Castigliano)
flor del soldado (Castigliano)
flores mil (Aragonese)
flores mil (Castigliano)
floresmil (Aragonese)
herba bouera (Catalano)
herba d’os carpinteiros (Galiziano)
herba d´aniell (Catalano)
herba da rula (Galiziano)
herba das cortadelas (Galiziano)
herba das heridas (Galiziano)
herba de corder (Catalano)
herba de la tos (Majorcan)
herba de les cent fulles (Catalano)
herba de les mil fulles (Catalano)
herba de les nou camises (Catalano)
herba de marge (Catalano)
herba de mil fulles (Catalano)
herba de Sant Joan (Catalano)
herba de tall (Catalano)
herba de talls (Catalano)
herba de tos (Catalano)
herba de tos (Majorcan)
herba de tós (Majorcan)
herba de xai (Catalano)
herba do soldado (Galiziano)
herba dos carpinteiros (Galiziano)
herba dos golpes (Galiziano)
herba rebola (Catalano)
hierba bouera (Catalano)
hierba cabezuda (Aragonese)
hierba de aquiles (Castigliano)
hierba de la falz (Aragonese)
hierba de las cortadas (Castigliano)
hierba de las cortaduras (Castigliano)
hierba de las heridas (Castigliano)
hierba de los carpinteros (Castigliano)
hierba de San Juan (Castigliano)
hierba del golpe (Castigliano)
hierba del militar (Castigliano)
hierba del soldado (Castigliano)
hierba meona (Castigliano)
hinojo (Castigliano)
ierba cabezuda (Aragonese)
ierba de la falz (Aragonese)
manzanilla (Aragonese)
manzanilla (Asturiano)
manzanilla (Aragonese)
manzanilla (Spanish, Castillian)
manzanilla de los xatos (Asturiano)
manzanilla de Moncayo (Castigliano)
manzanilla romana (Asturiano)
manzanilla romana (Castigliano)
manzanillón (Asturiano)
marfull (Catalano)
meona (Castigliano)
merisana (Galiziano)
mermasangre (Aragonese)
mermasangre (Aragonese)
mielenrama (Castigliano)
mil en rama (Aragonese)
mil en rama (Aragonese)
mil en rama (Castigliano)
mil en rama de flor roja (Castigliano)
mil flores (Aragonese)
mil flores (Aragonese)
mil hoja (Aragonese)
mil hojas (Castigliano)
mil hojas de España (Castigliano)
mil oja (Aragonese)
mil oja (Aragonese)
milefolio (Galiziano)
milefólio (Galiziano)
milefolio (Castigliano)
milefolio vulgar (Castigliano)
milenrama (Asturiano)
mil-en-rama (Catalano)
milenrama (Galiziano)
milenrama (Castigliano)
milflores (Aragonese)
milflores (Castigliano)
milfolhado (Galiziano)
milfolhas (Galiziano)
milfolho (Galiziano)
milfolio (Castigliano)
milfollas (Galiziano)
milfollo (Galiziano)
milfuellas (Asturiano)
milfullas (Catalano)
milfulles (Catalano)
milfulles (Valenziano)
milfuyas (Majorcan)
milhojas (Galiziano)
milhojas (Castigliano)
milhorria (Euskera)
milifolio (Castigliano)
milifulla (Catalano)
milinrama (Castigliano)
milinraya (Castigliano)
miliuna (Catalano)
millaorriko (Euskera)
millaorriko (Galiziano)
millori (Euskera)
millorri (Euskera)
millorri (Galiziano)
millorria (Euskera)
millorria (Galiziano)
millosto (Euskera)
millosto (Galiziano)
milorio (Aragonese)
milorio (Aragonese)
milorria (Euskera)
milrama (Galiziano)
milramas (Castigliano)
milrayas (Castigliano)
milrosas (Castigliano)
milrrosas (Castigliano)
milsana (Galiziano)
miluna (Aragonese)
mota (Asturiano)
paraguas (Castigliano)
pelo de burro (Castigliano)
percala (Catalano)
perejil bravío (Castigliano)
pie de gato (Galiziano)
pinella (Asturiano)
piorniña (Galiziano)
rabo de gato (Castigliano)
restiña sangre (Galiziano)
sabuda blanca (Catalano)
sardineta (Valenziano)
siempreverde (Castigliano)
te purgante (Aragonese)
té purgante (Aragonese)
té purgante (Aragonese)
triaca (Castigliano)
tríaca (Castigliano)
yerba cabezuda (Aragonese)
yerba de Aquiles (Castigliano)
yerba de corto (Aragonese)
yerba de corto (Aragonese)
yerba de la falz (Aragonese)
yerba de las heridas (Castigliano)
yerba de marguin (Aragonese)
yerba del golpe (Castigliano)
yerba del riñón (Castigliano)
yerba del tallo (Aragonese)
yerba meona (Castigliano)
yerba purgante (Aragonese)
yerba purgante (Aragonese)

Fonti: Medicinal plants of greece; Welsh herbal medicine; Pieroni e Picchi; Anthos (www.anthos.es; 2010). Information System of the plants of Spain. Real Jardín Botánico, CSIC - Fundación Biodiversidad; for names from the Iberian Peninsula and the Balearic Islands; ILDIS (www.ildis.org; 2010). International Legume Database and Information Service; for common names of Fabaceae; Mariam Aghababian (Fontainebleau); for common names of Compositae; Carmen Begerock (Berlin); for common names of Ferns, Lycopodiophytes and Caryophyllales; Moustapha Nehmé (Beyrouth); for Arabic common names; Nehmé, M.: Dictionnaire Etymologique de la Flore du Liban. 2000; Nehmé, M.: Etymological Dictionary of Syrian Flora. 2008.

Sinonimo tedesco

Achillenkraut
Bauchweh
Bauchwehkraut
Gemeine Schafgarbe
Gewöhnliche Schafgarbe
Katzenkraut
Katzenkraz
Jungfraukraut
Schafgarbe
Schafgarbenkraut
Tausendaugbram
Fonti: Medicinal plants of greece; Welsh herbal medicine; Pieroni e Picchi; Anthos (www.anthos.es; 2010). Information System of the plants of Spain. Real Jardín Botánico, CSIC - Fundación Biodiversidad; for names from the Iberian Peninsula and the Balearic Islands; ILDIS (www.ildis.org; 2010). International Legume Database and Information Service; for common names of Fabaceae; Mariam Aghababian (Fontainebleau); for common names of Compositae; Carmen Begerock (Berlin); for common names of Ferns, Lycopodiophytes and Caryophyllales; Moustapha Nehmé (Beyrouth); for Arabic common names; Nehmé, M.: Dictionnaire Etymologique de la Flore du Liban. 2000; Nehmé, M.: Etymological Dictionary of Syrian Flora. 2008.

Nomi alternativi

Agriapsithia
Birangasifa
Birangasipha
Biranjasipha
Civan Percemi
Gandana
Hiliophylla
Llysian Gwaedlif
Middail
Millefolii Flos
Millefolii Herba
Millefolium
Millegoglie
Rajmari
Roga Mari
Semesando
Almindelig Røllike
Armanj
Barpezmi mijëfletësh
Božje drvce
Gewoon duizendblad
Harilik raudrohi
Hrb
Jezičec puranski
Jezičec
Jutrocel
Koromačić
Kostenica
Koštenica
Kostrešica
Kostretica
Krwawnik pospolity
Kunica
Kunji rep
Malankovica
Mekušica
Mrmanj
Mrmonj
Navadni rman
Obični stolisnik
Paprastoji kraujažolė
Parastais pelašķis
Rebrac
Řebříček obecný
Rebríček obyčajn
Rman
Rmanj
Röllika
Ryllik
Siankärsämö
Sporiš vodeni
tolik
Stoliska,
Stolist
Stolista
Stolistac
Stolistni jezičac
Tučija trava
Vallhumall
Zavrelec
Zevrelčec
Ади бојмәдәрән
Деревiй майже звичайний
Тысячелистник обыкновенный
Хилядолистен равнец
Հազարատերևուկ սովորական
achilea
achillea
Ağri otu
Ama Birjiña´ren bedarrak
ama birjiña´ren bedarrak
Ayvadanasi
Ayvadene
Ayvadenesi
Beyaz çiçek
Civanperçemi
erva-carpinteira
erva-das-cortadelas
erva-de-sâo-joao
erva-de-Sâo-Joâo
erva-do-bomdeus
erva-do-bom-deus
erva-dos-carpinteiros
erva-dos-golpes
erva-dos-militares
erva-dos-soldados
feiteirinha
fiolhinho
Hazenabel
Keditirnaği
macelâo
macelâo
mao-de-deus
mâo-de-Deus
mil em rama
milefolio
milefólio
mil-em-rama
milfolha
milfolhada
milfolhado
milfolhas
mil-folhas
milfolho
millefolio
pelo-de-carneiro
pêlo-de-carneiro
prazer-das-damas
salvaçâo-do-mundo
Sanci otu
Flores millefolii
Herba millefolii
Navadni rman
Fonti: Medicinal plants of greece; Welsh herbal medicine; Pieroni e Picchi; Anthos (www.anthos.es; 2010). Information System of the plants of Spain. Real Jardín Botánico, CSIC - Fundación Biodiversidad; for names from the Iberian Peninsula and the Balearic Islands; ILDIS (www.ildis.org; 2010). International Legume Database and Information Service; for common names of Fabaceae; Mariam Aghababian (Fontainebleau); for common names of Compositae; Carmen Begerock (Berlin); for common names of Ferns, Lycopodiophytes and Caryophyllales; Moustapha Nehmé (Beyrouth); for Arabic common names; Nehmé, M.: Dictionnaire Etymologique de la Flore du Liban. 2000; Nehmé, M.: Etymological Dictionary of Syrian Flora. 2008.

Altre specie

Altre specie della nostra flora alpina utilizzate per produrre la droga a scopo terapeutico e liquoristico sono:
1. Achillea clavennae L., pianta molto adattabile che può “scendere” dai pascoli calcarei a 1200 m. fino ai 600 m. Alpi centro-orientali.
2. Achillea erba-rotta All. e 3. Achillea erba-rotta subsp. moschata (Wulfen) I.Richardson. (sin: Achillea moschata) conosciute con il nome popolare di Iva, e Achillea genipi Murr (nome irrisolto). Sono piante molto meno adattabili e di più difficile coltivazione. Dai 1800 ai 3000 m.. Usate per la produzione del liquore detto Genepì, anche se tale nome andrebbe limitato ai prodotti a base di Artemisia glacialis L. ed altre Artemisie aromatiche.
4. Achillea ligustica All., più robusta della Achillea erba-rotta, facilmente coltivabile anche in vaso; areale della macchia mediterranea fino a 800 m.
5. Achillea nana L.: Alpi centro-occidentali.

Descrizione botanica

Descrizione generale[who]
Forma biologica: Emicriptofita scaposa
Pianta erbacea perenne, eretta, a rizoma ramificato e asse fiorale eretto semplici, poco ramificati con un’altezza compresa tra i 30 e i 100 cm[Lodi]; foglie minutamente divise in lacinie, di consistenza carnosa e color verde; da maggio ad agosto appaiono i fusti fiorali, portanti una infiorescenza apicale di corimbi di capolini colore bianco-neve o a volte rosati. In anni particolarmente piovosi o in ambienti umidi i fusti sono numerosi e pieni di foglie e molto alti.[moore]
Pianta perenne, fusto eretto, duro, lanoso; da 30 a 70 cm. Foglie pelose, molli, 5-15 cm in lunghezza, lanceolate, bi-, tri-pennatosette in segmenti lineari corti e sottili. Foglie basali lunghe e picciolate, foglie superiori corte e sessili. Le infiorescenze sono numerose, bianche o rosa, 4-6 mm in diametro (maggio-ottobre), in corimbi terminali densi ad ombrello, quelli del centro a tubo, 4-5 ligule larghe, corte, tridentate, lunghe quanto larghe; l'involucro è ovoide con molte brattee sovrapposte, rigide ed oblunghe. Frutto: acheni biancastri di 2 mm. Sapore agro, amaro.


Nome
Nome forse derivato dal nome dell’eroe greco Achille che ne scoprì le virtù medicamentose grazie al suo tutore Chirone, e la usò in battaglia a Troia per alleviare le sofferenze dei suoi compagni feriti (Pieroni e Picchi). Un’altra teoria sull’origine del nome vuole che commemori un medico greco chiamato Achilles e che sarebbe stato il primo a registrare gli usi di questa pianta.[Canadian Medicinal Crops]

Dettagli (Clapham, Tutin e Warburg 1959)
Fusto. La parte sotterranea (ipogeo) del fusto presenta dei rizomi ad andamento orizzontale, le cui estremità possono eventualmente germinare in una parte aerea con foglie e fiori, e dei stoloni ipogei. La parte aerea, il fusto epigeo si presenta eretto, duro e lanoso, poco ramificato, color verde pllido, a volte violaceo, alto da 30 a 70-100 cm

Foglie di colore verde scuro, alterne, da lineari-lanceolate ad oblungo-lanceolate, 2-3 (2-5) volte pennatosette, omomorfe, a lacinie strettissime o larghe 1 mm o più, molto fitte, con l’ultimo segmento finemente lineare, molli e pelose, lunghe 5-15 cm. (fino a 30), larghe 2-5 cm. Puntuate-ghiandolari, rachide largo 0,4-1,5 mm. Segmenti primari numerosi, da lineari a linerali-lanceolati, segmenti ultimi strettamente lineari filiformi, Le foglie basali sono lunghe e picciolate, quelle superiori corte e sessili.

Capolini: numerosi, 5-6 mm (4-8 mm) in diametro, raggruppati in gruppi di massimo 150 su peduncoli lunghi 2-5 mm, in corimbi composti terminali ad ombrella (pseudo-ombrelle) larghi 5-15 cm.
I capolini portano di solito 5 fiori ligulati femminili, bianchi, rosa o rossastri, larghi quanto sono lunghi, tre dei quali sono dentati all’apice, e 3–20 fiori centrali, tubulari ed ermafroditi, con 4-5 ligule larghe, corte, tridentate, lunghe quanto larghe, di colore bianco-giallognoli. L'involucro è ovoide con molte brattee sovrapposte in tre file, rigide ed oblunghe, verdi e pubescenti, con un margine marroncino o bianco, lunghe fino a 5 mm.
Ricettacolo: leggermente convesso, nell’ascella delle palee, coperto di pagliette verdi lunghe come le brattee dell’involucro
Il periodo di fioritura è ampio, da da maggio al tardo agosto

Peli: solitamente scarsi

Frutti
Frutto indeiscente costituito da acheni biancastri di 2mm. Matura in agosto e settembre, e sono disseminati tramite adesione al vello umido degli animali, mentre mancano del pappo comune a molte altre Asteraceae.

Le piante di pianura di solito non sono alte più di 0,5 m, hanno corimbi piccoli (3-5 cm) di capolini piccoli (3-4- mm) ed hanno un odore non molto piacevole
Le piante di montagna sono alte fino ad 1 metro, hanno corimbi larghi (10 cm) e capolini larghi (0,5 cm), con squame marginate di grigio. L’odore è intento e molto più piacevole[Lodi)
Tende a formare grandi tappeti di radici interconnesse e foglie basali piumate[Moore]

Strutture secretorie
Nell’Achillea millefolium i tricomi secretori dei fiorellini producono azulene e si trovano prevalentemente nei lobi della corolla dei fiorellini ligulati e tubulari ed anche nelle foglie. Quando un fiorellino raggiunge le dimensioni di 0,25 mm, sono presenti tricomi completamente maturi derivati da cellule protodermiche. Sono ocmposti da 10 cellule che includono un paio di cellule basali, e tre paia di cellule ghiandolari [Figueirredo, A.C. and Pais, M.S. (1994). Ultrastructural aspects of the glandular cells from the secretory trichomes and from the cell-suspension cultures of Achillea millefolium L. ssp. millefolium. Annals of Botany. 74: 2. 179- 180]



[1] who
[2] Lodi
[3] moore
[4] Clapham, Tutin and Warburg 1959
[5] Lodi
[6] Moore
[7] Figueirredo, A.C. and Pais, M.S. (1994). Ultrastructural aspects of the glandular cells from the secretory trichomes and from the cell-suspension cultures of Achillea millefolium L. ssp. millefolium. Annals of Botany. 74: 2. 179- 180.

Habitat e coltivazione

Distribuzione del genere
Il genere Achillea è ben distribuito nell’emisfero settentrionale e consiste di circa 120-130 specie eurasiatiche (52 europee, mediterranee, poche in Nord America) (Mabberley 2008)⁠

Distribuzione della specie
Nativa dell'Europa, l'Achillea millefolium cresce nelle regioni temperate in tutto il mondo fino a 2500 metri. Preferisce luoghi assolati, praterie, margini dei viottoli e delle ferrovie; predilige terreni aridi, pietrosi ed acidi.
E' una perenne resistente difficile da eliminare e nei prati, se viene falciata, ricresce più rigogliosa di prima. Non ha alcun bisogno di essere accudita. Viene considerata una infestante ma è più prolifica che competitiva, e non compromette le piante vicine.
Presente in Italia nelle seguenti regioni: Valle d'Aosta, Piemonte, Lombardia, Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna

La semina si effettua con seme fresco in un composto di terra, torba, humus e sabbia; per mantenere la giusta acidità aggiungere del chelato di ferro all'acqua. I semi germinano facilmente; una volta che la piantina si sia ben sviluppata, essa va trapiantata in terreno simile al primo ma più ricco. Evitare ristagno di acqua.

La riproduzione avviene per divisione dei cespi in autunno o primavera.
Serve una funzione duale nel rapporto piante-insetti: i suoi oli essenziali repellono alcuni insetti e ne attraggono altri, e questa funzione selettiva è utile nel bilancio della biodiversità delle fasce vegetazionali dove la pianta risiede. La rimozione improvvisa della pianta può avere effetti negativi sulla comunità biotica.

Olio essenziale
L'Albania (700 kg/anno) e l'Ungheria (100 kg/anno) sono i produttori principali. Quantità minori in USA e Canada

Parte usata

Radice
Parti aeree in fiore
Infiorescenze
Nelle Farmacopee dell'OMS ed Europea la droga ufficiale sono le parti aeree, Herba Millefolii (o Millefolii herba) che viene definita come “le cime fiorite o le parti aeree raccolte nel periodo della fioritura, intere o tagliate di Achillea millefolium L. (Asteraceae. Secondo la Farmacopea Europea la droga “non può contenere meno di 2 ml/kg di olio essenziale e non meno dello 0.02% di proazuleni, espressi come camazulene, in entrambi i casi calcolati con riferimento alla droga secca.

Metodi di raccolta

Vari autori in epoche differenti hanno utilizzato parti diverse di questa pianta. Tradizionalmente le parti aeree fresche sono sempre state preferite alle secche, ma in epoche più recenti la seconda soluzione è stata favorita. Hedley suggerisce che la pianta secca possieda proprietà antiinfiammatorie e circolatorie più costanti, forse a causa di un più costante contenuto in flavonoidi.

Raccogliere i capolini in fiore al momento della fioritura (tra giugno e settembre), lasciandone un buon 60% sulla pianta per assicurare abbondante risemina e propagazione. In questo modo non si rischierà di danneggiare la pianta, che ricrescerà facilmente. E' anche possibile raccogliere l'intera parte aerea incluse foglie, steli e fiori: in questo caso il prodotto finale avrà una componente amara più spiccata.

Stabilità: 18-24 mesi per fiori e foglie, molti anni per le radici.

Rese in pianta fresca

Primo anno: 30-40 kg/100 m2; 3-4 tonnellate per ettaro
Dal secondo anno: 100-150 kg/100 m2 ; 10-15 tonnellate per ettaro, fino a 17 tonnellate per ettaro.
600-2500 chilogrammi per ettaro di fiori secchi

Trattamento post-raccolta

L’olio essenziale è presente solo nei fiori. È necessario far appassire il materiale e distillare in acqua con coobazione per 6-10 ore per avere una resa dello 0,15%
Rese più elevate (0,25%) se viene essiccato molto bene

Parametri di distillazione

È necessario far appassire il materiale e distillare in acqua con coobazione per 6-10 ore per avere una resa dello 0,15%.

Rese in olio essenziale

In media 0,07-0,5%
Fiori e foglie appassite e distillate in acqua con coobazione: 0,15%
Fiori e foglie essiccate e distillate in acqua con ccobazione: 0,25%
Fiori freschi: 0,1-0,25%
Fiori appassiti: 0,24-0,5%
Stima resa distillazione fiori: 3-7 kg/ettaro

Descrizione dell'olio

Olio blu scuro con odore pungente, fresco cineolico e aspetti medicinali. Nota finale: secca, fruttata, di paglia
L'olio ungherese è più scuro, odore piacevolmente vegetale con leggera nota di erba e una nuance di mirtillo. Nota finale secca fruttata di paglia e tabacco (Burfield 2000).

L'Achillea millefolium presenta un'elevata variabilità intraspecifica nella composizione dell'olio essenziale in associazione all’area geografica di coltivazione della pianta dare una composizione tipo dell’olio essenziale.
Essendo un aggregato di specie chimicamente polimorfo, la composizione chimica dipende dal numero di cromosomi presenti. Le piante diploidi (2n) e tetraploidi (4n) contengono sesquiterpeni proazulenici, che se esposti al calore si trasformano in cromofori, dei camazuleni colorati, incluso il camazulene e l'achillicina. Sempre nelle piante 4n troviamo α- e β-pinene, e cariofillene. Le piante esaploidi e forse le ottaploidi sono prive di proazuleni, e contengono circa il 50% di mono- e sesquiterpeni, spesso ossidati. Le piante ottaploidi contngono circa l'80% di monoterpeni ossidati, come il linalolo. A parte le varietà prive di proazulene (6n, 8n), nelle altre l'OE è dominato dal camazulene (o proazulene nella pianta non distillata), presente intorno al 30%. (Burfield 2000).

Secondo Azizi et al. (2009) gli oli essenziali di origine iraniana distillati a diversi stadi di fioritura, presentavano percentuali molto elevate di 1,8-cineolo (27-41%), con un picco in piena fioritura. Secondo Candan et al (2003) il picco principale dell'olio essenziale ottenuto da piante di origine turca in post fioritura è dell'1,8-cineolo (24.60%), seguito dalla canfora (16.70%) e dall'α-terpineolo (10,2%), mentre il β-pinene, molto comune in achillea di origine italiana, è presente in concentrazioni nettamente inferiori (4,2%).
Secondo Beretta e colleghi (Beretta et al., 2011) la pianta, a differenza di molte altre piante , esprime un contenuto in composti ossigenati molto più alto in fase di pre-fioritura e post-fioritura (24,15% e 28.96% rispettivamente) rispetto alla fase di piena fioritura, in cui aumenta l’espressione di idrocarburi (82.49%) rispetto a strutture ossigenate (17.51%).

Status regolatorio (Fenaroli)
Citata nel British Herbal Compendium 1992, nella British Herbal Pharmacopoeia del 1996, nella British Pharmacopoaia del 2007, ha una monografia nel testo della Commissione E, nella Farmacopea Europea del 2007 e nella 35a edizione del Martindale
È sulla GSL

Uso storico

Preistoria
In una tomba risalente al 60.000 a.C., presso il sito archeologico Shanidar IV (in Iraq), sono stati ritrovati pollini raggruppati in maniera tale da suggerire che le piante dalle quali provenivano formassero un tappeto per il corpo del deceduto. Nonostante sia impossibile essere certi che fossero piante usate a scopo medicinale, o comunque importanti per la cultura di Shanidar IV, la maggior parte degli autori concorda con questa ipotesi. Tra le piante identificate ci sarebbe anche una appartenente al genere Achillea sp. (Lietava 1992; Leroi-Gourhan 1975; Solecki 1975). Per una opinione contraria sul ruolo delle piante nei riti di sepoltura di Shanidar IV, si veda Sommer (1999)

Storia antica
Semplicemente guardando ad alcuni nomi popolari di questa pianta in diverse lingue europee (erba del soldato, erba del marchese, stagnasangue, erba da carpentieri, erba de feridas, erba dei tagi, sanguinella, stagnadora, herba do soldado, soldiers’ wound-wort) possiamo capire che il principale utilizzo storico popolare della droga è quello di astringente e stipico.
In effetti fin dall’antichità la pianta è stata legata al sangue e alle ferite.
Il nome stesso deriverebbe dal nome del semidio ed eroe greco della guerra di Troia, Achille “piè veloce”, che avrebbe appreso (secondo Plinio) delle proprietà emostatiche della pianta dal suo tutore, il centauro Chirone. Il mito dice che dopo essere stato istruito da Chirone, Achille la usò per le ferite dei suoi soldati durante la guerra di Troia. In un’altra versione del mito la madre di Achille, Tetis, lo curò bagnandolo con le foglie dell’Achillea
Una interpretazione differente dell’etimo vuole che esso derivi dal nome del primo medico greco che descrisse le virtù della pianta.
L'Iliade (11.846 846 cita una pianta (ῥίζαν πικρήν) che può essere Achillea o Aristolochia, entrambe usate com anodini in medicina greca antica (The Iliad, edited, with apparatus criticus, prolegomena, notes, and appendices. Walter Leaf. London. Macmillan. 1900)
Dioscoride (Dsc.2.162) e Galeno (Gal.12.108) citano πταρ-μική , ἡ, forse Achillea ptarmica. Dioscoride indica che la pianta "è molto utile contro le perdite di sangue, contro le piaghe recenti, vecchie e fistulose", e per la sua proprietà emostatica e vulneraria fu usata come pianta astringente, emostatica e vulneraria, famosa come rimedio per le ferite du guerra, onde per cui venne chiamata herba militaris. (Henry George Liddell. Robert Scott. A Greek-English Lexicon. revised and augmented throughout by. Sir Henry Stuart Jones. with the assistance of. Roderick McKenzie. Oxford. Clarendon Press. 1940.)
Plinio scrive della ăchillēa (Plin. 26, 15, 90) usata per la tosse, e di ăchillēos (Ἀχίλλειος) (Plin. 25, 5, 19), forse la stessa pianta, scoperta da Achilles
(The Natural History. Pliny the Elder. John Bostock, M.D., F.R.S. H.T. Riley, Esq., B.A. London. Taylor and Francis, Red Lion Court, Fleet Street. 1855.A Latin Dictionary. Founded on Andrews' edition of Freund's Latin dictionary. revised, enlarged, and in great part rewritten by. Charlton T. Lewis, Ph.D. and. Charles Short, LL.D. Oxford. Clarendon Press. 1879.)

Medioevo
Ma le proprietà storicamente attribuite a questa pianta sono molte: in Italia era molto spesso parte delle preparazioni digestive ed eupeptiche, e fu sfruttata per la preparazione di liquori certosini sin dal Medioevo.
Secondo Linneo veniva usata nel Nord Europa al posto del luppolo nella preparazione della birra, con l’idea che impartisse alla bevanda maggior potere intossicante. Nel secolo XVI i semi venivano usati per conservare i vini.

Usi popolari nel Mediterraneo (Medicinal plants of greece; Riteli-Manganelli; Benetti 2000)
In Grecia viene usata per:
Ferite infette e abrasioni: contundere leggermente le foglie e applicare come poltiglia. Coprire e lasciare il più a lungo possibile
Metrorragia, emorragie interne, prediabete, reumatismo, artrite: 2-3 cucchiaini di fusti secchi in 1 litro di acqua fredda, far macerare a freddo. Bere regolarmente
Mal d’orecchi: mettere alcune gocce dell’infuso freddo nell’orecchio.
In Toscana le foglie fresche e contuse sono applicate su ferite come emostatico
Nel Senese: infuso delle sommità fiorite con fiori di biancospino (Crataegus monogyna), foglie di ulivo (Olea europaea fol), vischio (Viscum album), borsa del pastore (Capsella bursa-pastoris) e ortica (Urtica dioica) in caso di ipertensione. Infuso delle foglie come digestivo.
In Versilia: Infuso delle foglie come calmante.
In Garfagnana : Infuso delle foglie come digestivo.
Nel Grossettano: Infuso delle foglie come vasotonico.
In Lunigiana: Infuso delle foglie come antinfiammatorio sistemico.
Usata in Lessinia (Verona) per ferite e contusioni in almeno tre preparazioni:
1. Unguento a base di resina di conifera, olio di oliva, cera d’api, Achillea, viola odorata, sapone, burro e bacche di ginepro
2. Fiori di Achillea macerati nel decotto di corteccia interna di faggio, nell’olio di oliva per 40 gg (digestione solare). Utile anche per scottature.
3. Foglia fresca e pestata su ferite.
Usata come pianta per ferite, molto conosciuta dai falciatori di montagna (Zampiva 1998)

Mondo anglosassone (Moore; Welsh herbal medicine; Bartram; Hatfield 2004)
Viene menzionata in vari antidotari fin dal secolo IX, e nel primo testo terapeutico gallese (XIII secolo), il Physicians of Myddfai, si consiglia l'uso dell'achillea per "stranguria e pietra", cioè per edema di origine cardiaca e calcolosi renale, insieme alla sassifraga, pestate in acqua e da bere per giorni; o per "distruggere i parassiti" intestinali, nel qual caso si consigliava l'applicazione esterna e non interna (Hatfield 2004).
L’infuso veniva impiegato per disturbi respiratori come tosse, raffreddore, influenza ed asma, ed anche per i dolori reumatici ed il mal di testa, ed in genere veniva considerata una panacea.
Le foglie sono state usate, spingendole su per le narici, per provocare epistassi e quindi risolvere l’emicrania (Allen, Hatfield). Paradossalmente, sono state usate anche per curare l’epistassi (Bardswell, 1911). Altri usi includono masticare le foglie in caso di mal di denti, rimedio particolarmente in voga in Irlanda (Bardswell 1911. Turner, Thompson, Thompson, and York. 1990). Le foglie, messe nelle scarpe, si suppone proteggessero dai crampi (Tongue, 1965). Un’altra indicazione popolare per l’achillea è l’ipertensione) (Ibbott 1994). La pianta è genericamente usata come tonico nelle isole Shetland (Tait 1947). In alcune parti della Gran Bretagna, come ad esempio nell’isola di Man, la pianta veniva considerata una panacea (Fargher).
Usata come antipiretico per febbre ai primi stadi, influenza, raffreddore, per pelle secca e senza sudorazione, per emorragia delle mucose, epistassi, per ipertensione con trombosi, per coliche biliari, per diarrea e dissenteria, per spasmi intestinali, per lavaggio delle ferite e semicupi vaginali.
La pianta ha anche molte associazioni magiche: in Irlanda la radice era usata dalle giovani donne in un sacchetto messo sotto il cuscino, per vedere in sogno il futuro marito (Swami Handa, Rakesh et al. 2006), oppure una ragazza poteva sapere se il proprio amore per un ragazzo era reciproco mettendosi le foglie nel naso: in caso avesse iniziato a sanguinare questo significava che il ragazzo la contraccambiava (Page, 1983). Era una delle erbe di S. Giovani Battista e in Irlanda nel giorno di S. Giovanni Evangelista viene appesa nelle case per evitare le malattie. A Norfolk un ramoscello di achillea veniva tradizionalmente legato alla culla di un infante per assicurargli la buona sorte (Bardswell, 1911. Turner, Thompson, Thompson, and York. 1990)

In Galles era usata per:
Raffreddore e stati catarrali acuti, febbre come sudorifico, per raffreddore e influenza spesso abbinata a sambuco e menta; ipertensione come vasodilatatore periferico; diarrea e dissenteria come astringente; cistite come diuretico ed antisettico.

Usata negli USA in caso di:
Febbre acuta soprattutto in raffreddore e influenza, meglio se infuso o tintura diluita in acqua calda. Formula pediatrica: achillea + matricaria + anice/finocchio (poco); emorroidi ed epistassi; ferite superficiali; diarrea e dissenteria; infiammazioni cutanee ed articolari (lavaggi, bagni, cataplasmi); vene varicose: cataplasmi; cistite/uretrite non grave e non cronica; dolori ai denti: radici con alcol.

Americhe (Hatfield. 2004)
Gli usi della pianta da parte dei nativi americani sono numerosi (Moerman, 1998):
applicazioni topiche per ferite, abrasioni, ematomi, eczemi, dolori muscolari, eruzioni cutanee e mal d'orecchi. Internamente veniva usata come rimedio per disturbi della digestione, malessere e condizioni febbrili (sia internamente che come fumigazioni con fiori bruciati).
Nella tribù dei Menomini si usava la pianta per curare le febbri (infuso caldo delle foglie), mentre le cime fiorite venivano usate come frizione per l'eczema. Le foglie erano usate in impiastro per rash cutanei dei bambini (Smith 1923).
La tribù dei Thompson la usava come panacea (Turner, Thompson, Thompson, and York. 1990).
I Potawatomi credevano avesse il potere di allontanare gli spiriti malvagi (Smith 1933)
Le tribù del Montana la usavano per: mal di schiena, mal di gambe, mal di denti, antisettico, ematomi, raffreddore, deodorante, febbre, ferite (Hart, 1979)

Nella medicina popolare nordamericana l'Achillea è stata usata in maniera molto simile a come la usavano i britannici, come rimedio per ferite della guerra civile (Micheletti, 1998), per il raffreddore in infuso (Lathrop 1961; Levine 1941), come febbrifugo (Levine 1941), per l'indigestion (Browne, 1958), per la dissenteria (Brendle, Unger 1935), l'epistassi (Meyer, 1985) le emorroidi sanguinanti (Meyer 1985) il mal di denti (Meyer 1985), il mal di testa (UCLA Folklore Archives), ed i crampi (Musick, 1964).
Vari autori la consideravano un tonico epatico (Hendricks, et al. 1959) ed un antinfettivo (UCLA Folklore Archives).
La foglia ed i fiori sono state droga ufficiale nella farmacopea americana dal 1863 al 1882, ad uso tonico, stimolante, ed emmenagogo. Alcuni autori consideravano le foglie superiori ai fiori (Vogel 1970).
Felter (1922) da come indicazioni specifiche per l'achillea: atonia e rilassamento dei tessuti, con perdite umorali abbondanti ed emorragie passive (dovute cioè all'atonia tessutale e non a lesioni).
Usata in Messico per atonia, coliche, ipocondria, come tonico e come emostatico per le ferite (Martinez, 1969) e per morsi di serpente (Lost Crops of the Incas: )

Asia
La forma tradizionale di predizione del futuro dell'I Ching era praticata interpretando la posizione di 50 fusti di Achillea seccati e lanciati sul tavolo
La foglia della pianta è stata usata in Pakistan nella medicina Jamu come carminativo, tonico, e per raffreddori
In Kazakisthan, Kyrgyzstan, Azerbaijan e Iran le foglie si usano in caso di emorroidi, tumori, dismenorrea, vertigine, anemia, anoressia.
In Giordania la pianta (non nativa bensì importata) si usa in infuso come rimedio per dolori alle gambe (CAP)

Tossicità

Council of Europe: numero 12, categoria 4 (con limiti su canfora, 1,8-cineolo e tujone)
FEMA numero 3117
NAS numero 3117
EAFUS numero 977000-16-0
Uso in bevande analcoliche: 29 ppm
Uso in bevande alcoliche: 5-40 ppm

Dei 4 chemiotipi riconosciuti (CT canfora, CT sabinene, CT 1,8-cineolo e CT camazulene), l'unico che può presentare problemi è il primo, CT canfora, che tipicamente ha la seguente composizione:
Canfora 10-20%
1,8-Cineolo 14%
Borneolo 9%
Esso pone rischi di neurotossicità inferiti dal contenuto in canfora, soprattutto se assunto per os: la canfora può causare convulsioni epilettiformi se assunta in quantità sufficiente e l'olio dovrebbe essere utilizzato con grande cautela. Il contenuto in tujone (un potenziatore degli effetti mediati da GABA) potrebbe peggiorare eventi convulsivi, ma l'olio essenziale ha inibito l covulsioni indotte da un antagonista del gABE, quindi la rilevanza della presenza del tujone è ancora non chiara (Kudrzycka-Bieloszabska and Glowniak 1966)

Tossicità acuta (CT camazulene) (Tisserand e Youg 2014)
LD50 acuta, topo, orale: 3,65 g/kg
LD50 acuta, topo, intraperitoneale: 3,1 g/kg

Potenziale carcinogenico/anticarcinogenico (Tisserand e Youg 2014)
Genotossico nel test su Aspergillus nidulans con OE a camazulene 42,2%, sabinene 19,7%, terpinen-4-olo al 5,2%, b-cariofillene al 4,4%

Reazioni avverse cutanee per l’OE: nessuna informazione

Cautele

Rischi: interazioni teoriche, leggero rischio di neurotossicità, dipendente dal CT
Cautele generali: farmaci metabolizzati da CYP2D6
Cautele assunzione orale: farmaci metabolizzati da CYP1A2, CYP3A4
Dose massima giornaliera dell’OE: 241 mg, dose basata sul contenuto di tujone totale pari a 2,9%
Livello massimo di uso topico dell’OE: 8,6% , dose basata sul contenuto di tujone totale di 0,1 mg/kg e 0,25%
Fonte: Tisserand e Young 2014

Tassonomia

Regnum - Plantae
Divisione:  Tracheophyta/Magnoliophyta Cronquist, Takht. & W. Zimm. ex Reveal.
Sottodivisione: Spermatophytina
Classe:  Magnoliopsida Brongn. (Asteridae Takht)
Superordine: Asteranae
Sottoclasse:  Asteridae Takht.
Ordine:  Asterales Lindl.
Famiglia:  Asteraceae Bercht. & J. Presl (Compositae)
Tribù: Anthemideae Cass.
Genere: Achillea L.
Specie: Achillea millefolium aggr.

Alcuni investigatori hanno ritenuto di trattare le piante nordamericane come tassonomicamente distimte da quelle introdotte dall'Europa (Clausen et al. 1948) mentre altri (Tyrl 1975) hanno trattato A. millefolium come un complesso o aggregato poliploide di piante native ed introdotte che si sono ibridizzate, formando piante o popolazioni diploidi, tetraploidi, pentaploidi, esaploidi, settaploidi ed ottaploidi, cosmopolite e tipiche dell'emisfero settentrionale .

La droga in commercio (comunemente infiorescenze o parti aeree di achillea) si ottiene non da una entità botanica unica, ma dal taxon Achillea millefolium aggr., un gruppo tassonomico complesso (TCG) o aggregato che comprende diverse specie o subspecie poliploidi derivanti da un unico progenitore e separabili solo con difficoltà (Greuter, Raab-Straube 2016) L’aggregato Achillea millefolium è uno dei complessi poliploidi più diversificati dell’emisfro settentrionale relativamente alle caratteristiche morfologiche, genetiche ed ecologiche (Ehrendorfer, Guo 2006; Guo et al. 2005; Guo et al. 2008; Guo et al. 2012) L’indagine citogenetica ha chiarito che Achillea millefolium aggr. è un complesso poliploidico di perenni allogame⁠ (Saukel, Länger 1992; Vetter, Franz 1996) molto simili tra loro ma distinte da caratteri sufficientemente stabili. Esse rappresentano il risultato di un processo evolutivo che parte da 5-7 taxa diploidi, morfologicamente ben separati tra loro, da cui sono derivate almeno 24 specie poliploidi (da tetra- a ottaploidi) di natura monofiletica (ossia derivanti da un unico progenitore) ma che si sono ripetutamente ibridate tra loro dando luogo a relazioni reticolari anziché lineari (tipo madre-figlio-nipote),⁠ (Guo et al. 2012) cosa che non permette di distinguere facilmente una specie dall'altra, e neppure di tracciare una classificazione intraspecifica soddisfacente, tanto che alcuni autori le riconoscono come specie distinte, altri come sottospecie di A. millefolium.
Comprende Achillea millefolium s.str. ed altre circa 24 specie eurasiatiche e nordamericane⁠ (Guo et al. 2005). Esistono piante diploidi (A. asplenifolia/A. millefolium subsp. asplenifolia), tetraploidi (A. collina/A. millefolium subsp. collina) ed esaploidi (Achillea millefolium L. sensu strictu). L’analisi genetica ha rivelato un polimorfismo molto rilevante, molto maggiore nei ceppi poliploidi rispetto a quelli diploidi⁠ (Guo et al. 2008)

Chemiotassonomia
Solo i taxa diploidi Achillea asplenifolia e A. roseo-alba ed i tetraploidi A. collina e Achillea ceretanica sono caratterizzati da proazuleni come l’achillicina e possono dare camazulene nella distillazione dell’olio essenziale, e questa presenza è legata a caratteri genetici recessivi⁠ (Vetter, et al. 1997) simili a quelli della camomilla. (Franz 1993a; Franz 1993b) Le specie azulogeniche sono caratterizzate anche da altre componenti degli oli essenziali, come a- e b-pinene, borneolo, canfora, sabinene, o cariofillene
Altri taxa, specialmente i 6X e gli 8X, contengono invece perossidi eudesmanolidi, longipineni, germacranolidi, e/o guajanolidi⁠ (Franz, Novak 2010).

Comunque le variazioni intraspecifiche in contenuto in proazuleni sono molto elevate, ed il ventaglio va dal contenuto in tracce all'80%⁠ (Kastner, et al. 1992) , ed esiste anche una variabilità tra pianta e pianta nel contenuto degli enanziomeri di, ad esempio, a- e b-pinene, o sabinene. Tutto ciò rende ancora più complesso usare caratteristiche fitochimiche a scopi tassonomici,⁠ (Steinlesberger 2002) e rende quindi sospetta la classificazione in chemiotipi proposta da vari autori.

Achillea millefolium L.⁠ (Sp. Pl.: 899. 1753) è la specie prototipica dell’aggregato, e viene definita come Achillea millefolium L. sensu strictu. È una specie esaploide che non contiene azuleni o proazuleni⁠ (Chandler et al. 1982) di cui si riconoscono quattro sottospecie: A. millefolium subsp. alpestris (Wimm. & Grab.) Gremli; A. millefolium subsp. ceretanica (Sennen) Sennen; A. millefolium subsp. stricta (Schleich. ex Heimerl) Hyl.; A. millefolium subsp. sudetica (Opiz) Oborny⁠ (AAVV 2013)
In molti casi è al momento impossibile dire se un taxon sia una sottospecie di A. millefolium o un suo sinonimo, per cui per evitare eccessive complicazioni nel resto del testo useremo il termine A. millefolium per intendere l’aggregato e non la specie sensu strictu.
L’Achillea collina cv. SPAK, sviluppata per ibridazione in Svizzera nel 1994, ha un contenuto in proazulene⁠ (Franz, Novak 2010) molto elevato.


Taxa inclusi nell’aggregato (Can Başer, Buchbauer 2009).
Achillea apiculata N.l. Orlova
Achillea asiatica Serg.
Achillea aspleniifolia Vent.
Achillea carpatica Błocki ex Dubovik
Achillea collina (Becker ex Rchb.f.) Heimerl
Achillea distans Waldst. & Kit. ex Willd.
Achillea distans subsp. tanacetifolia (All.) Janch
Achillea euxina Klokov
Achillea inundata Kondr.
Achillea millefolium L.
A mill. ssp. sudetica (Opiz) Oborny
Achillea nigrescens (E. Mey.) Rydb.
Achillea pratensis Saukel & R. Länger
Achillea roseoalba Ehrend.
Achillea seidlii J. Presl & C. Presl
Achillea setacea Waldst. & Kit.
Achillea stepposa Klokov & Krytzka
Achillea styriaca Saukel & Danihelka

Molecole

  • (+)-Limonene 0,400% - 1,000%
  • 1,8-cineolo 1,000% - 2,000%
  • borneolo 0,200% - 9,000%
  • Camazulene 20,000% - 30,000%
  • Canfene 2,000% - 4,000%
  • Canfora 2,000% - 4,000%
  • Cariofillene ossido 0,400% - 1,000%
  • Germacrene D 6,000% - 14,000%
  • p-Cimene 0,100% - 1,000%
  • Sabinene 7,500% - 41,500%
  • terpinen-4-olo 2,000% - 5,000%
  • Terpinolene 0,200%
  • α-Cadinolo 0,400% - 1,000%
  • α-pinene 1,500% - 3,500%
  • α-Terpinene 0,500% - 1,000%
  • β-cariofillene 3,000% - 5,000%
  • β-Mircene 1,000% - 7,000%
  • β-pinene 5,000% - 12,000%
  • β-Tujone 1,100%
  • γ-terpinene 1,000% - 4,000%

Bibliografia

  • Valussi Marco: 2012
    Il grande manuale dell'aromaterapia. 2a edizione
    Editore: Tecniche Nuove, Milano