Natural Aromatic Materials: Odours & Origins. Second Edition.

Natural Aromatic Materials: Odours & Origins. Second Edition. 2 Voll.

by Tony Burfield

The Atlantic Institute of Aromatherapy, Tampa, Florida

A review

Introduction.

I got my copy of the First Edition of this textbook around 2000, and it accompanied me all through these years of learning and teaching about essential oils.  Together with the example given me by Tony as a professional author, this book convinced me to go through with the adventure of writing my own book. 

To be quite open, this wasn’t a book I expected to use much when I bought it.  I bought it because I knew Tony and I love books, and because you never know what will be useful, but I was into therapy and I thought the text would have been more interesting for a natural perfumer, or for someone sourcing essential oils.  In fact the book collated more than 40 years of data compilation, and was at the time THE comprehensive account of natural aromatic materials from natural sources, used in perfumery, aromatherapy and in flavourings. 

Well, I was totally wrong.  As I said, it has been one of the book I went back to most often when in doubt about the origin or the existence of an obscure essential oil, or when I had some doubts about the chemistry of another one, or the characterizing compounds in terms of smell.  I learned the importance of knowing the geography of the essential oil production, and I grew more and more interested in the education and use of our nose as a primary Quality Control tool. 

As I moved from therapy to consultancy I used the book even more, because of the sheer amount of knowledge about aromatic material you could find in there, and also just because it was fun to learn new things about a subject you think you already master. Thanks to this textbook I also learned about its predecessors, I bought my Arctander, Odorographia, etc., thereby enlarging my aromatic culture beyond what was immediately useful 

The new edition

Thus, I was just thrilled to hear that Burfield had produced a second edition of his text, especially since I became a producer, and now that I have it in my hand I am really happy to present it to you, because it really is a gem.  So, here are the details:

The text spans 793 pages, divided in 7 sections.  Although of course the 5th section (Materials Index) is the most important one, the hearth of the book, covering some 600 different materials in depth and with some juicy obscure details, I’d suggest eager readers not to skip the other sections, since they are in themselves small textbooks on their subject matter. 

  • The first section (Perfumery Raw Materials, pp. 15-38) is the perfect introductory chapter, in my opinion, because it gives all the necessary definitions of what all the aromatic materials are and how they are produced (plus lots of historical details), so that the reader has all the tool necessary to navigate the remainder of the book, and more generally the treacherous sea of the world of aromatics.
  • The second, third and fourth sections are somehow linked one to the other, because they form a sort of crash course in perfumery, training in odour analysis, and methods of odour assessment. 
  • The second section (Categories and Definitions in Odour Assessment, pp. 39-76) goes through the problems linked to the description of odours, all the different schemes proposed by various authors through the ages, and it then goes into the description of the various theories of olfaction with pitfalls and strenghts, at the same time with exactitude but without being overly technical. 
  • The third section (Training for Odour Analysts and Perfumers, pp. 77-125) kind of flows out of the 2nd, because it show how practically all the schemes about smell are put into practice in the description of smells and in the prodiuction of perfumes or fragrances. It then goes into aromatic chemistry, always linking it to the practical need of a perfumer.
  • The fourth section (Methods of Odour Assessment of Raw Materials) goes into Quality Assessment and Control, but instead of starting as usual with the chemical tests, Gas Chromatography and Mass Spectrometry, it begins with the proper use of our sensory systems, eyes and nose.
  • The treasure of the book lies of course in the fifth section (Materials Index: A-Z of Individual Aroma Materials, pp. 143-741) that comprises an enormous number of materials from the A of Abelmoschus spp. to the Z of Zingiber officinale: 600 essential oils, absolutes, CO2s,  and other aromatic extracts. Each monograph identifies a botanical entity (apart from the few animal materials) with taxonomical details, together with its geographic origin and production status, and specifies all the aromatic materials that can be obtained from it. For every and each material it gives a complete and elaborate odour profile with top-note and dry-down descriptions, plus chemical composition details, all thoroughly referenced.

At the end of the text the useful  glossary and abbreviations index, plus a conversion table of common name to (Latin) botanical name.

All in all, a must-have book if you’re into perfumery and flavouring, and a very important addition to the library for any aromatherapist.

Olio essenziale di foglie di ginepro

Ed eccoci ad un’altra delle nostre essenze tipiche, l’olio di foglie di ginepro (da non confondere con l’olio essenziale di bacche o galbuli di ginepro).  Anche in questo caso vengono raccolti i ramoscelli fogliari di diametro non superiore ai 1,3 cm., per assicurare quella caratteristica nota agrumata e fresca che manca negli olii dominati dal legno.

La raccolta viene effettuata seguendo i tagli programmati del servizio forestale o di nostri collaboratori con permesso di taglio per pulire i boschi.  Una volta effettuati i tagli interveniamo a selezionare le frasche più belle e giovani, eliminiamo le parti più grossolane e vecchie e i ramoscelli di diametro troppo grosso. Il materiale viene sminuzzato ed immediatamente distillato per minimizzare la perdita di olio essenziale.

 

Olio essenziale di foglie di Ginepro

 

Nome botanico: Juniperus communis L. (Cupressaceae)

Sinonimo: Juniperus albanica Pénzes

Parte usata: foglie e ramoscelli fogliari.

Caratteristiche chimiche: L’olio essenziale di foglie di ginepro è dominato dai monoterpeni, soprattutto da alfa e beta-pinene e tujopsene.

Caratteristiche organolettiche: liquido trasparente e di colore giallo pieno, con una nota di pino e un aspetto amaro e verde-legno

Sicurezza: Non esistendo dati è preferibile evitare del tutto il suo utilizzo su pelle o mucose lesionate o di individui atopici. Nessun OE derivato delle Conifere dovrebbe essere utilizzato se troppo vecchio, ossia se eccessivamente ossidato, poiché potrebbe causare irritazione.

Effetti: possibile attività spasmolitica, mucolitica ed espettorante. Moderata attività antibatterica ed antinfiammatoria, e repellente per zanzare. Usato in particolare per le fragranze maschili nelle quali serve a impartire una nota di testa fresca e resinosa. Gli accordi di Pino possono essere elevati e rinfrescati dall’addizione di questo OE.

Olii essenziali delle Cupressaceae

Fino ad ora abbiamo parlato di olii essenziali da Conifere ma abbiamo visto solo piante appartenenti alle Pinaceae (Pino, Abete, Peccio, ecc.).  Esistono però in commercio olii essenziali provenienti da piante appartenenti ad un altro Ordine di conifere, gli olii essenziali delle Cupressaceae, che introduciamo di seguito.

Cupressaceae

Le Cupressaceae Bartling (o Cupressaceae s.l. se si includono le Taxodiaceae) sono piante arboree o arbustive, a profilo conico, resinose, con dotti/canali resiniferi nel floema e nello xilema, quasi sempre monoiche, più raramente dioiche.

Descrizione

Sono piante comunemente sempreverdi, con foglie nastri-, aghi- o squamiformi pluriennali (a parte rare eccezioni) che cadono con i ramoscelli, fiori unisessuati, semplici, squamosi, coni staminati (produttori di polline); la maggior parte porta anche coni ovulati (produttori di semi). Gli pseudofrutti sono galbuli con squame legnose strettamente appressate che racchiudono i semi, o, nel caso di Juniperus, arcesthida, uno pseudofrutto con i semi ricoperti da brattee o scaglie carnose.

Origine

Sono piante tipiche dell’emisfero settentrionale, presenti più raramente nelle regioni temperate meridionali, a colte anche in Africa NE.

Specie

L’ordine comprende 29-30 generi e 133-140 specie. I quattro generi più numerosi sono Juniperus (50-70 spp.), Callitropsis (18 spp.), Callitris (14. spp.) e Cupressus (12 spp.).

Gli olii essenziali delle Cupressaceae provengono tutti dalla sottofamiglia delle Cupressoideae: Cupressus spp., Juniperus spp. e Thuja spp.

Composizione chimica

La tabella qui sotto mostra come a differenza degli olii da Pinaceae, dominati da idrocarburi monoterpenici (C10), le Cupressaceae tendono ad essere più ricche in composti ossigenati come alcoli, esteri e chetoni, in e idrocarburi sesquiterpenici (C15). Possiamo anche notare come gli olii da legno (L) tendono ad essere più ricchi in sesquiterpeni degli olii da foglie (F).

Specie

Parte usata

Composti maggioritari

Composti caratterizzanti

Tossicità

Juniperus oxycedrus L Alcoli C15
Juniperus procera L Alcoli C15 e C15
Juniperus communis F e Fr C10
Juniperus communis var. saxatilis F C10 Esteri: acetato di bornile
Juniperus phoenicea F C10
Cupressus sempervirens F C10
Juniperus ashei L C15
Juniperus scopulorum L C15
Juniperus virginiana L C15
Thujopsis dolabrata L Chetoni: 𝛽-tujaplicina e 𝛽-dolabrina
Thuja occidentalis F Chetoni: tujoni  SI
Thuja plicata F Chetoni: tujoni  SI
Juniperus sabina F Esteri: acetato di (Z)-sabinile  SI

Olio essenziale di abete rosso

Nel nostro viaggio nelle conifere eccoci arrivati ad una di quelle prodotte nel laboratorio Gadoi: l’Abete rosso. Nonostante il nome non si tratta di un vero abete bensì di un peccio, ma il nome popolare è così comune che non ci è sembrato carino cambiarlo!

Di questa conifera vengono raccolti i ramoscelli fogliari di diametro non superiore ai 1,3 cm., per assicurare che l’olio essenziale abbia quella caratteroistica nota agrumata e fresca che manca negli olii dominati dal legno o dalla resina. Infatti ciò che distingue gli olii da resina (o da legno) da quelli da foglia è proprio la presenza di alcuni composti ossigenati che portano alla caratteristica nota fresca da aghi di pino. Gli olii da resina (le trementine) sono invece dominate da idrocarburi monoterpenici che appiattiscono il profilo aromatico.

La raccolta viene effettuata seguendo i tagli programmati del servizio forestale.  Una volta effettuati i tagli interveniamo a selezionare le frasche più belle e giovani, eliminiamo le parti più grossolane e vecchie e portiamo il materiale in sede, dove viene effettuata una seconda selezione per eliminare i ramoscelli di diametro troppo grosso.

Di seguito, le fronde vengono passate in un biotrituratore e versate immediatamente nella cesta del distillatore, per poter essere distillata immediatamente e per minimizzare la perdita di olio essenziale.

Abete rosso

Nome botanico: Picea abies (L.) H.Karst. (Pinaceae)

Sinonimo: Abies abies (L.) Druce

Parte usata: aghi e ramoscelli fogliari distillati in corrente di vapore. Era usato per distillare la resina e produrre la Trementina di Borgogna, usata per produrre impiastri medicinali e per fare la “birra di peccio”, una bevanda antiscorbuto.

Provenienza: Europa centrale.

Caratteristiche chimiche: molto varia, il beta-pinene va dal 5 al 32%, e l’alfa-pinene da 14 a 21%. Il canfene spazia dal 7 al 27%, e il limonene dal 10 al 16%. Presente anche l’acetato di bornile ma in quantità ridotte (3-5%).

Caratteristiche organolettiche: liquido da incolore a giallo pallido, con nota molto brillante e pulita di pino e un carattere legnoso che ricordagli iononi. Potente nota finale, dolce, resinosa e con del legno.

Sicurezza: a rischio di causare sensibilizzazione cutanea se ossidato. Evitarne l’utilizzo se ossidato.

Olio essenziale di Pino silvestre

Continuiamo con la nostra carrellata delle conifere, le essenze tipiche dell’inverno, con il Pino silvestre.

 

Pino silvestre

Nome botanico: Pinus sylvestris L. (Pinaceae)

Sinonimo: P. altissima Ledebour

Parte usata: aghi e ramoscelli fogliari distillati in corrente di vapore. Dalla distillazione distruttiva o secca del legno si otteneva un catrame detto di Stoccolma, mentre dalla resina distillata in corrente di vapore si otteneva un tempo la trementina; la distillazione a secco di segatura e scarti legnosi e delle radici dava un olio essenziale di bassa qualità (detto olio essenziale di radice).

Provenienza: cresce spontaneo in tutta l’Europa e in parti dell’Asia, ed è nativo (insieme al ginepro e al tasso) della Gran Bretagna; è prodotto principalmente in Austria, Svezia, Norvegia, paesi baltici e Russia (Siberia), ma anche negli USA.

Caratteristiche chimiche: contiene il 50-97% di idrocarburi monoterpenici come alfa- e beta-pinene (in media il 70%); (-)-limonene (fino al 30%); beta-fellandrene (0,5-11%). Come il Pino mugo, contiene naturalmente percentuali elevate di delta3-carene (fino al 30%). Contiene fino al 3,5% di acetato di bornile (rari casi fino al 10%), acetato di isobornile (tr). Probabilmente esistono due chemiotipi: alfa-pinene e delta3-carene. La trementina contiene delta3-carene, dipentene, pinene, alcoli sesquiterpenici. L’olio essenziale di radice contiene alfa- e beta-pinene (40%), furfurale, delta3-carene (50%).

Caratteristiche organolettiche: Il colore può andare dall’incolore al giallo paglierino, a volte con tinte verdastre. L’aroma dipende abbastanza dalla varietà utilizzata, ma la maggior parte ha l’aroma tipico da pino, fresco resinoso, un po’ più grezzo del pino mugo ma meno del pino nero. La nota finale è fresca, di colofonia ma un poco sporcata verso la fine.

Adulterazioni: L’olio essenziale di Pinus sylvestris è raro. In commercio è quasi sempre costituito da altre specie di Pinus, Picea e Abies. Gli oli essenziali provenienti da Abies balsamica o Abies sibirica tendono ad avere note alte più dolci, mentre quelli  provenienti da Picea spp. hanno un aroma più crudo e da trementina. Viene inoltre adulterato con misture di canfene, alfa-pinene, (-)-limonene, isobornil acetato, borneolo e altri composti isolati. Le aggiunte di borneolo e isobornil acetato possono essere scoperte grazie all’analisi gascromatografica dei rapporti borneolo/isoborneolo e bornil acetato/isobornil acetato.

Attività: sembra avere azione balsamica espettorante, rubefacente e stimolante del SNC, probabilmente per l’effetto irritante dei monoterpeni. Ha anche attività moderatamente antimicrobica, repellente per zanzare, mosche e tarli. Usato in formulazioni di deodoranti per i piedi, in creme per problemi cutanei. In profumeria si aggiunge alle formulazioni per dare freschezza ad accordi maschili, e si usa nei mix erbacei e per rinfrescare le fougeres.

Sicurezza: rischio di sensibilizzazione allergica se l’olio è ossidato. In caso di olio ossidato non utilizzarlo. Si sconsiglia l’utilizzo dell’olio essenziale per bocca in gravidanza e in allattamento al seno.